Crediti alle pmi (forse) più facili con il nuovo decreto

CreditiIl consiglio dei ministri sta per discutere il nuovo decreto del Fare (già ribattezzato decreto del Fare 2), all’interno del quale dovrebbero essere contenute una serie di utili – si spera! – iniziative nei confronti delle piccole e medie imprese, alle quali sarà ad esempio riconosciuta una dilazione dei debiti fiscali nei confronti delle pubbliche amministrszionie se le stesse risultano titolari di posizioni creditorie verso gli enti pubblici.

In merito, il decreto dovrebbe contenre l’incremento della soglia di compensazione tra debiti e crediti fiscali, con passaggio (decorrenza 1 gennaio 2014) da 700 mila euro a un milione di euro, elevata a 2 milioni di euro nell’ipotesi di società con bilanci certificati, e a 4 milioni di euro nell’ipotesi di società quotate. Sempre in proposito alle piccole e medie imprese, verranno eliminati alcuni oneri legati all’accensione di garnzie di varia natura sui contratti di finanziamento a medio e lungo termine.

Le stesse imprese potranno inoltre costituire un privilegio speciale su quei beni mobili che sono destinati all’esercizio dell’attività di impresa, anche a garanzia di bond emessi per reperire nuove fonti di finanziamento. Ad ogni modo, le novità del decreto del fare 2 non dovrebbero terminare qui. Tra le tante azioni dovrebbe esservi anche quella per la riduzione del peso degli incentivi alle fonti rinnovabili sulle bollette della luce.

Il Gestore dei servizi energetici, operatore al quale è demandata la gestione dei benefici sulle rinnovabili, potrà inoltre reperire delle risorse alternative emettendo delle obbligazioni sul mercato, nei limiti stabiliti anno dopo anno dal Ministero per lo sviluppo economico.

Inoltre, è prevista la realizzazione di una sorta di “anagrafe” dei benzinati: in altre parole tali operatori dovranno comunicare i propri dati per poter dimostrare il rispetto delle norme di sicurezza. In caso di mancata comunicazione dei dati, gli esercizi di distribuzione potrebbero essere addirittura chiusi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*